NEWSLETTER NO. 2 - 2022

07 february 2022

NEWSLETTER N. 2-2022

Gentile Cliente

desideriamo evidenziare di seguito le novità in materia fiscale previste dal d.l. n. 4 del 27/01/2022, pubblicato nella G.U. n. 21 del 27/01/2022 (cosiddetto “Decreto Sostegni-ter”), in vigore dal 27/01/2022.

 

MISURE DI SOSTEGNO PER LE ATTIVITA’ CHIUSE

Per i soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, aventi domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio dello Stato, le cui attività sono vietate o sospese fino al 31 gennaio 2022 ex art. 6, co. 2, d.l. n. 221/2021, sono sospesi:

  • i termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati ex artt. 23 e 24 d.p.r. 600/1973 e delle trattenute relative all'addizionale regionale e comunale, effettuate in qualità di sostituti d'imposta nel mese di gennaio 2022;
  • i termini dei versamenti relativi all'IVA in scadenza nel mese di gennaio 2022.

I versamenti sospesi sono effettuati in un'unica soluzione entro il 16 settembre 2022, senza applicazione di sanzioni e interessi. Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

 

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE ATTIVITÀ DI COMMERCIO AL DETTAGLIO

E’ previsto un contributo a fondo perduto per le imprese che:

  • svolgono in via prevalente attività di commercio al dettaglio identificate con codice ATECO 2007: 47.19, 47.30, 47.43, tutte le attività dei gruppi 47.5 e 47.6, 47.71, 47.72, 47.75, 47.76, 47.77, 47.78, 47.79, 47.82, 47.89 e 47.99,
  • con sede legale od operativa nel territorio dello Stato e risultanti attive presso il Registro imprese;
  • che non sono in stato di liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;
  • che non sono già in difficoltà al 31/12/2019 ex art. 2, p. 18, reg. (UE) n. 651/2014 della Commissione, fatte salve le eccezioni in materia di aiuti Stato;
  • che non sono destinatarie di sanzioni interdittive ex art. 9, co. 2, lett. d), d.lgs. n. 231/2001;
  • con un ammontare di ricavi riferito al 2019 non superiore a euro 2 milioni,
  • che hanno subito una riduzione del fatturato - ovvero dei ricavi ex art. 85, lett. a) e b), tuir - nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019,

I contributi sono concessi nei limiti di un Fondo di euro 200 milioni nel 2022, ai sensi e nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Sezione 3.1 del «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19» di cui alla comunicazione della Commissione europea 2020/C 91 I/01 e successive modificazioni, ovvero, successivamente al periodo di vigenza dello stesso, del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013. Nel caso di applicazione del predetto Quadro temporaneo, la concessione degli aiuti è subordinata, ex art. 108, par. 3, del Trattato sul funzionamento dell'UE, all'autorizzazione della Commissione europea.

Le imprese interessate devono presentare, esclusivamente in via telematica, una istanza al MISE nei termini e con le modalità da definire con provvedimento del MISE stesso.

Le risorse finanziarie del fondo sono ripartite tra le imprese aventi diritto, riconoscendo a ciascuna di esse un importo determinato applicando alla differenza tra:

  • l'ammontare medio mensile dei ricavi relativi al periodo d'imposta 2021, e
  • l'ammontare medio mensile dei medesimi ricavi riferiti al periodo d'imposta 2019,

una percentuale pari al:

  • 60% per i soggetti con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019 non superiori a euro 400K;
  • 50% per i soggetti con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019 superiori a euro 400K e fino a euro 1 milione;
  • 40% per i soggetti con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019 superiori a euro 1 milione e fino a euro 2 milioni.

 

SETTORE TESSILE E DELLA MODA

Il credito di imposta per le rimanenze di magazzino nel settore tessile e della moda ex art. 48-bis d.l. 34/2020 è riconosciuto, per l'esercizio in corso al 31/12/2021, anche alle imprese operanti nel settore del commercio dei prodotti tessili, della moda, del calzaturiero e della pelletteria che svolgono attività identificate dai seguenti codici della classificazione delle attività economiche ATECO 2007: 47.51, 47.71, 47.72. 

 

SETTORE WEDDING, INTRATTENIMENTO E HO-RECA

Ai fini dei contributi di cui all’art. 1-ter d.l. 73/2021 per il settore wedding, intrattenimento ed ho-reca per l'anno 2022 sono stanziati euro 40 milioni da destinare ad interventi per le imprese che:

  • svolgono in via prevalente una attività identificata dai seguenti codici ATECO: 96.09.05 (Organizzazione di feste e cerimonie), 56.10 (Ristoranti e attività di ristorazione mobile), 56.21 (Fornitura di pasti preparati – catering per eventi), 56.30 (Bar e altri esercizi simili senza cucina), 93.11.2 (Gestione di impianti sportivi),
  • nell'anno 2021 hanno subito una riduzione dei ricavi ex art. 85 lett. a) e B9, tuir non inferiore al 40% rispetto ai ricavi del 2019.

Per le imprese costituite nel corso del 2020, in luogo dei ricavi, la riduzione deve far riferimento all'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dei mesi del 2020 successivi a quello di apertura della partita IVA rispetto all'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2021.

 

CREDITO D'IMPOSTA PER LE IMPRESE TURISTICHE PER CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI

Il credito di imposta per i canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo ed affitto di azienda spetta alle imprese del settore turistico alle condizioni dell’art. 28 d.l. 34/2020:

  • in relazione ai canoni versati con riferimento a ciascuno dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022,
  • a condizione che abbiano subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento dell'anno 2022 di almeno il 50% rispetto allo stesso mese dell'anno 2019.

Il credito di imposta spetta nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19.

Le imprese interessate presentano un’autodichiarazione all'Agenzia delle entrate attestante il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dalle Sezioni 3.1 «Aiuti di importo limitato» e 3.12 «Aiuti sotto forma di sostegno a costi fissi non coperti» della predetta Comunicazione, secondo le modalità ed i termini da definire con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate.

L'efficacia dell’agevolazione è subordinata ex art. 108, par. 3, del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, all'autorizzazione della Commissione europea.

 

PIANO TRANSIZIONE 4.0

In relazione agli investimenti Industria 4.0 di cui al co. 1057-bis della l. 178/2020 viene stabilito che, per la quota superiore a euro 10 milioni degli investimenti inclusi nel PNRR, diretti alla realizzazione di obiettivi di transizione ecologica individuati con decreto MISE, il credito d'imposta è riconosciuto nella misura del 5% del costo fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a euro 50 milioni.

 

CONTRIBUTO PER LE IMPRESE ENERGIVORE

Alle imprese:

  • a forte consumo di energia elettrica di cui al decreto MISE 21/12/2017,
  • i cui costi per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media dell'ultimo trimestre 2021 ed al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, hanno subìto un incremento del costo per KWh superiore al 30% relativo al medesimo periodo dell'anno 2019, anche tenuto conto di eventuali contratti di fornitura di durata stipulati dall'impresa,

è riconosciuto un contributo sotto forma di credito di imposta pari al 20% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022.

Il credito d'imposta:

  • è utilizzabile esclusivamente in compensazione in F24, senza limitazioni;
  • non concorre alla formazione del reddito d'impresa né della base imponibile IRAP;
  • è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile IRAP, non porti al superamento del costo sostenuto.

 

AIUTI AI PRODUTTORI DA IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Nel periodo 01/02/2022 – 31/12/2022, sull'energia elettrica:

  • immessa in rete da impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kW che beneficiano di premi fissi derivanti dal meccanismo del Conto Energia, non dipendenti dai prezzi di mercato,
  • immessa da impianti di potenza superiore a 20 kW alimentati da fonte solare, idroelettrica, geotermoelettrica ed eolica che non accedono a meccanismi di incentivazione,

è applicato un meccanismo di compensazione a due vie sul prezzo dell'energia.

A tal fine, il GSE calcola la differenza tra i seguenti valori:

  1. un prezzo di riferimento medio fissato pari alla media dei prezzi zonali orari registrati dalla data di entrata in esercizio dell'impianto fino al 31/12/2020, rivalutati sulla base del tasso ISTAT, ovvero, qualora l'impianto sia entrato in esercizio in data antecedente al 1° gennaio 2010, alla media dei prezzi zonali orari registrati dal 01/01/2010 al 31/12/2020 rivalutati secondo la medesima metodologia;
  2. il prezzo zonale orario di mercato dell'energia elettrica, ovvero, per i contratti di fornitura stipulati prima del 27/01/2022 che non rispettano le condizioni di cui sotto, il prezzo medio indicato nei contratti medesimi.

Qualora la differenza sia:

  • positiva, il GSE eroga il relativo importo al produttore;
  • negativa, il GSE conguaglia o provvede a richiedere al produttore l'importo corrispondente.

Le disposizioni di cui sopra non si applicano all'energia oggetto di contratti di fornitura conclusi prima del 27/01/2022, a condizione che non siano collegati all'andamento dei prezzi dei mercati spot dell'energia e che, comunque, non siano stipulati a un prezzo medio superiore del 10% rispetto al valore di cui alla lett. a), limitatamente al periodo di durata dei predetti contratti.

 

LIMITI ALLA CESSIONE DEI CREDITI DI IMPOSTA

Le detrazioni per le quali è prevista l’opzione per lo sconto in fattura e la cessione del credito ex art. 121 d.l. 34/2020, possono formare oggetto di una sola cessione (oltre lo sconto). In particolare:

  • in caso di sconto in fattura, il fornitore può cedere il credito a qualsiasi soggetto, senza che questi possa cederlo nuovamente;
  • in caso di cessione del credito, il fornitore (o comunque l’acquirente del credito) non può a sua volta cedere il credito.

La facoltà di successiva cessione è esclusa altresì per i seguenti crediti di imposta:

  • credito d’imposta per botteghe e negozi;
  • credito d’imposta per i canoni di locazione;
  • credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro;
  • credito d’imposta per sanificazione.

I crediti che alla data del 07/02/2022 sono stati precedentemente oggetto delle opzioni ex artt. 121 e 122 d.l. 34/2020, possono costituire oggetto esclusivamente di una ulteriore cessione ad altri soggetti.

I contratti stipulati in violazione delle predette disposizioni sono nulli.

 

REGIME “CALL OFF STOCK”

Le disposizioni relative al regime di “call off stock” di cui all’art. 38.1 d.l. 331/1993, introdotte dalla l. 238/2021, sono abrogate. L’abrogazione si è resa necessaria in seguito ad una sovrapposizione di norme sul medesimo regime: infatti, il regime di “call off stock” era stato disciplinato - contemporaneamente - sia dalla l. 238/2021 sia dal d.lgs. 192/2021.

Attualmente, il regime di “call off stock” resta dunque disciplinato nel d.l. 331/1993 agli artt. 38-ter per gli acquisti e 41-bis per le vendite, come introdotti dal d.lgs. 192/2021.

 

Cordiali saluti

HAGER & PARTNERS

Respect for your privacy is our priority

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Accept and continue to consent to the use of all cookies. If you want to learn more or give consent only to certain uses click here. You can consult our updated Privacy Policy and Cookie Policy at any time.